Avon: Le belle statuine


Chi arrivava in California, prima ancora di costruire la propria casa, acquistava un esemplare del Libro e cominciava ad annotare, sulle prime pagine lasciate di proposito bianche, le nascite e le morti della propria famiglia in Terra Promessa. Così la Bibbia divenne prezioso documento genealogico per le discendenze future.
Le poche stamperie nate nei nuovi centri abitati, per soddisfare le richieste, si dedicavano prevalentemente alla stampa del Libro, tanto più che non esistevano diritti editoriali o royalties da pagare. Nel giugno del 1880 un giovane scozzese, David McConnell, giunto da New York dopo mesi di viaggio a piedi o sul predellino dei treni che portavano nella Nuova frontiera, si presentò in cerca di lavoro alla Stamperia d’Arte di un certo John Blau. Il tipografo, dopo aver soppesato l’allampanata figura che mostrava i segni evidenti dell’atavica fame patita dai suoi antenati, mostrò al giovane la catasta di Bibbie ammucchiate in un angolo, il calesse e il cavallo di sua proprietà, gli illustrò in tutti i particolari la vigente legge che prevedeva l’impiccagione per i ladri di quadrupedi e lo spedì di casa in casa a vendere libri.


David McConnell partiva il lunedì mattina e setacciava paesi, città, fattorie, presentandosi alla porta di ogni casa con fare compìto, una Bibbia tra le mani, tessendo elogi per chi -custodendo il Sacro Libro tra la cose più preziose- si metteva dalla parte del Signore.
Fu in un’osteria di Los Angeles -un saloon, come stava scritto all’ingresso- che incontrò David Hermes, un giovane farmacista che si dilettava nella macerazione di erbe e fiori e vendeva estratti profumati alle clienti.
Gli venne un’idea. Chi gli si parava davanti, ogni volta che bussava a una porta, erano massaie o giovani donne, spesso con in mano una pistola; perché non tentare di ingentilire l’approccio con un regalo profumato? Si fece arrivare da New York due casse di piccole bottiglie, contrattò il prezzo dell’estratto con David Hermes e imbottigliò il profumo.


Abbandonò l’aria seriosa più adatta a illustrare l’Apocalisse che a vendere essenze profane, e si presentò di nuovo all’uscio delle case. Trovò terreno vergine. Mentre il mercato delle Bibbie si stava saturando, il settore profumi era ancora agli albori. Le donne, giovani o non più giovani, erano entusiaste di poter ridestare i sensi intorpiditi dei mariti o dei fidanzati che tornavano alla sera stravolti dalla fatica del lavoro nei campi, o dalla cura dei capi di bestiame. Nel giro di poche settimane, David McConnell intuì un possibile futuro in quella terra di frontiera. Abbandonò la vendita delle Bibbie, restituì il cavallo e il calesse a John Blau e si mise in proprio commercializzando boccette di profumo. Gli affari aumentavano di giorno in giorno e McConnell pensò bene di assumere un aiutante.

Anche se il lavoro femminile, tranne quello nei campi o nei saloon, non era visto di buon occhio, mise un annuncio sul giornale locale per assumere una donna. Se non altro chi apriva la porta, alla vista di una rappresentante del gentil sesso, avrebbe tolto il dito dal grilletto della pistola. La scelta cadde su una delle sue prime entusiaste clienti, Miss Albee, piglio deciso e lingua sciolta, modello per migliaia di future Presentatrici.


David McConnell era entrato nel mondo degli affari, e nel 1886 fondò la California Perfume Company, prima e più importante Casa di Profumo statunitense. Fu solo nel 1929 che il fondatore trasformò il nome della Società in Avon, dal nome del paese che aveva dato i natali al suo drammaturgo preferito, William Shakespeare.
La Avon, nota nel nostro Paese soprattutto per il sistema di vendita porta a porta, ha realizzato negli anni ´60 e ´70 fantasiosi contenitori di profumo, spesso acquistati per poter essere utilizzati anche come soprammobili. I collezionisti li raccolgono non tanto per il loro valore (non eccessivo, essendo stati prodotti in centinaia di migliaia di pezzi e distribuiti in tutto il mondo), ma soprattutto per la simpatia che ispirano.


Ciò non toglie che alcuni esemplari siano divenuti rari e ricercati, e facciano bella mostra in celebri collezioni.
La Avon è tuttora un’azienda che opera con successo in quasi ogni parte del globo rimanendo fedele al primario concetto di vendita porta a porta, con gentili dimostratrici che danno prova, nel salotto di casa delle clienti, della bontà dei prodotti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: